Proroga per l’autocertificazione del Documento di Valutazione dei Rischi

Dal 30 giugno non sarà più possibile l’autocertificazione per le imprese con più di 10 dipendenti

 

Sicurezza sul Lavoro – D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Con la Legge di stabilità 2013 (legge 24 dicembre 2012, n. 228) pubblicata sul Supplemento alla Gazzetta ufficiale 29 dicembre 2012-n. 302, è stata prorogata al 30 giugno 2013 la possibilità del Datore di Lavoro delle imprese fino a 10 dipendenti di autocertificare la valutazione dei rischi.

Di conseguenza dal 30 giugno 2013 non sarà più possibile autocertificare l’avvenuta valutazione dei rischi, ma dovrà essere predisposto il DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI previsto dall’art. 28 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.  che dovrà essere firmato dal Datore di Lavoro, Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), dal Medico Competente se nominato e dal Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS o RLST), se presente. Tale documento deve essere custodito in azienda ed esibito in caso di ispezione dell’organo di controllo. 

Si fa presente che le sanzioni previste a carico del Datore di Lavoro per la mancata predisposizione del DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI sono: arresto da tre a sei mesi o ammenda da 2500 a 6400 euro (art. 55 comma 1a), D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.).

Entro il 30/06/2013, salvo ulteriori diverse indicazioni da parte del legislatore, il Datore di Lavoro che non ha sinora provveduto alla stesura del documento di valutazione dei rischi, dovrà predisporne l’elaborazione, avvalendosi  delle procedure semplificate pubblicate nel Decreto Interministeriale 30/11/2012 onde non incorrere, in caso di controllo, nelle citate sanzioni.

Per qualsiasi informazione in merito alla redazione del documento, non esitate a contattarci.